Vergognoso e disonorevole: 5 deputati chiedono e percepiscono 600 euro di bonus destinati alle P. Iva

La direzione centrale Antifrode, Anticorruzione e Trasparenza dell’Inpas ha segnalato che il bonus da 600 euro mensili per sostenere il reddito di autonomi e partite Iva, è stato chiesto e percepito anche da ben 5 parlamentari. L’Inps per ora non ha ancora fatto i nomi dei 5 approfittatori, certo è che, è tutto regolare e leggittimo. Resta il fatto che, potevano farne a meno visto il generoso stipendio che incassano ogni mese ( più di 12mila euro netti).  L’episodio è stato interpretato come un’offesa ai tanti lavoratori in difficoltà, considerando anche che molti di loro sono stati costretti a chiudere le loro attività a causa della pandemia.

“Chiedano scusa agli italiani, restituiscano i soldi e si dimettano, se in corpo gli è rimasto ancora un briciolo di pudore“commenta Luigi Di Maio. “E’ una vera vergogna“- commenta  Nicola Zingaretti (PD).  “Che un parlamentare chieda i 600 euro destinati alle partite Iva in difficoltà è una vergogna. Chiunque siano, immediata sospensione” ha dichiarato Matteo Salvini.

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/cronaca_news) oppure iscrivendosi sul gruppo Whatsapp cliccando su questo link di invito.