Home Politica USA: obbligo vaccinale di Biden boicottato dai Repubblicani, querele dai singoli stati...

USA: obbligo vaccinale di Biden boicottato dai Repubblicani, querele dai singoli stati “Il Presidente non può sostituire i medici”

Jeffrey Martin Landry, avvocato e politico americano Repubblicano, dal 2016 eletto Procuratore generale della Louisiana.

La corte d’appello federale dello stato della Lousiana ha temporaneamente sospeso l’obbligo del vaccino dell’amministrazione Biden per le imprese con 100 o più lavoratori. i fatti:

La 5a Corte d’Appello del circuito degli Stati Uniti ha concesso una sospensione d’emergenza del requisito dell’Amministrazione federale per la sicurezza e la salute sul lavoro secondo cui tali lavoratori devono essere vaccinati entro il 4 gennaio o i requisiti della maschera facciale e i test settimanali. La misura governativa – voluta dall’amministrazione guidata dal Presidente Joe Biden – prevede che decine di milioni di americani che lavorano in aziende con 100 o più dipendenti debbano essere completamente vaccinati contro il COVID-19 entro il 4 gennaio 2022 o, in alternativa, essere sottoposti a test settimanali per il virus in base alle norme governative. I nuovi requisiti rappresentano la mossa più audace dell’amministrazione Biden per persuadere gli americani riluttanti a ottenere finalmente un vaccino ampiamente disponibile da mesi, o ad affrontare conseguenze finanziarie. In caso di successo, i funzionari dell’amministrazione ritengono che il provvedimento governativo possa fare molto per porre fine a una pandemia che pare abbia ucciso più di 750.000 americani. Tuttavia, la misura dei Democratici non piace ai Repubblicani vicini all’ex presidente Donal Trump, con il procuratore generale della Louisiana Jeff Landry e altri repubblicani in tutto il paese che stanno minacciando azioni legali. Il 4 novembre 2021, il procuratore generale Landry ha annunciato che il Mississippi e l’Indiana si uniranno a lui per contestare la legalità del mandato di Biden.

“In qualità di responsabile legale della Louisiana, mi sto attivando per impedire al governo di costringere i cittadini della Louisiana a iniettare qualcosa nei loro corpi. Ho già sconfitto in tribunale l’amministrazione Biden su questioni di immigrazione clandestina ed energia domestica; e ora sto lavorando per vincere questa causa sulla questione della libertà personale”.

Procuratore Generale Landry

AG Landry ha affermato che le decisioni mediche dovrebbero essere prese tra pazienti e medici, non su mandato del governo. Landry ha anche affermato che la politica di Biden avrà conseguenze drastiche per la Louisiana, inclusa la perdita di miliardi di dollari. Link video:

Il quinto circuito, con sede a New Orleans, ha affermato che stava ritardando l’obbligo del vaccino federale a causa di potenziali “gravi questioni statutarie e costituzionali” sollevate dai querelanti. Il governo deve fornire una risposta rapida alla mozione per un’ingiunzione permanente lunedì, seguita dalla risposta dei firmatari martedì. A fine ottobre 2021, inoltre, anche il governatore democratico John Bel Edwards ha annunciato che solleverà il mandato di mascherine in tutto lo stato della Louisiana in tutti i contesti ad eccezione delle scuole K-12, dopo un miglioramento sostenuto in tutto lo stato in termini di nuovi casi, positività ai test e ricoveri. L’ordine aggiornato del Governatore consente ai distretti scolastici di rinunciare al mandato della mascherina fintanto che continuano a seguire le linee guida sulla quarantena esistenti raccomandate dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) per separare meglio gli studenti e i docenti esposti dagli altri ed evitare epidemie nel campus.

Lawrence Gostin, professore al Georgetown University Law Center e direttore del centro dell’Organizzazione mondiale della sanità sulla legge sulla salute globale, ha affermato che è preoccupante che una corte d’appello federale fermi o ritarderà le regole di sicurezza in una crisi sanitaria, affermando che nessuno ha il diritto di entrare in un posto di lavoro “smascherato, non sottoposto a vaccinazione e non testato”. “I giudici non eletti che non hanno esperienza scientifica non dovrebbero essere dei professionisti della salute e della sicurezza indecisi all’OSHA”, ha affermato. Una sfilza di governi statali, per lo più guidati dai repubblicani, ha rapidamente reso chiara la loro obiezione all’ultima mossa dell’amministrazione. In Florida, il procuratore generale Ashley Moody ha affermato che sfiderà la regola del vaccino di emergenza. “Intraprenderò un’azione legale rapida per fermare questo eccesso senza precedenti da parte del governo federale, per proteggere la Florida e i nostri lavoratori dagli editti illegali emanati dal presidente Biden e dai suoi responsabili. Il presidente non ha il potere di imporre la politica sanitaria attraverso un posto di lavoro. dipartimento di sicurezza”, ha detto Moody in un comunicato stampa. Il governatore della Carolina del Sud Henry McMaster ha ordinato alle agenzie statali di informare l’ufficio del governatore e il procuratore generale dello stato se ricevono direttive dall’amministrazione Biden sulla richiesta di vaccinazioni contro il Covid-19. Separatamente, l’Indiana si è unita alla Louisiana e al Mississippi in una causa intentata giovedì presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per “rilievo ingiuntivo” contro il mandato, secondo i documenti del tribunale. La causa afferma che il mandato del governo “soffre di una serie di difetti fatali” tra cui “un importante significato economico, sociale e politico“, che colpisce circa un quinto della forza lavoro del paese e minaccia “implicazioni diffuse per i programmi di rete di sicurezza” attraverso gli stati.

Il procuratore generale dell’Ohio Dave Yost ha detto alla CNN che il suo ufficio presenterà una causa venerdì che “sfiderà l’autorità del presidente a farlo su molti livelli”. La scorsa settimana, una coalizione di 10 stati che si estende dall’Alaska al New Hampshire ha intentato una causa contro l’amministrazione per aver imposto un mandato di vaccinazione agli appaltatori federali e ai dipendenti con contratto federale.
Al Congresso, i repubblicani del Senato stanno lanciando uno sforzo per ribaltare il mandato votando una risoluzione che disapprova la regola, ma è improbabile che passi con i democratici al controllo della camera. Il vice segretario stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre ha dichiarato durante la conferenza stampa di giovedì che l’amministrazione ritiene che le regole sui vaccini reggeranno in tribunale qualsiasi sfida legale e ha chiamato i repubblicani per azioni impegnative volte a proteggere la salute degli americani.
Siamo abbastanza fiduciosi che l’amministrazione abbia chiaramente l’autorità per proteggere i lavoratori e le azioni annunciate dal presidente sono progettate per salvare vite umane e fermare la diffusione del Covid“, ha affermato Jean-Pierre.

Fonti:

https://edition.cnn.com/2021/11/05/us/federal-employer-vaccine-mandate-pushback/index.html

https://www.usnews.com/news/business/articles/2021-11-06/appeals-court-stays-vaccine-mandate-on-larger-businesses

https://gov.louisiana.gov/index.cfm/newsroom/detail/3442

Ricordiamo che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di Cronaca.news via Telegram attraverso l'indirizzo https://t.me/cronaca_news. I nostri link sono costantemente riportati anche su Facebook alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news.
Send this to a friend