Ungheria chiede “meccanismo per uscita dall’Euro” e definisce moneta unica una “trappola francese”

Gyorgy Matolcsy, governatore della Banca Centrale ungherese

L’Ungheria di Orban chiede l’introduzione di un meccanismo di uscita dalla “trappola dell’euro”, una soluzione simile a quella contenuta nella prima versione del “contratto per il governo del cambiamento” M5S-Lega pubblicata anni fa e poi messa da parte a favore di posizioni piu’ europeiste. L’ungheria, al momento, non risulta nell’eurozona ma evidentemente preferisce correre a ripari anticipati nel caso in cui dovesse decidere di accedervi.

“Raramente ammettiamo le vere radici della decisione sconsiderata di creare la valuta comune: è stata una trappola francese. Mentre la Germania si unificava, François Mitterrand, l’allora presidente francese, temeva un crescente potere tedesco e pensava che convincere il Paese a rinunciare al marco tedesco fosse sufficiente per evitare un’Europa tedesca. Il cancelliere dell’epoca, Helmut Kohl, cedette e considerò l’euro il prezzo finale per una Germania unificata. Si sbagliavano entrambi. Ora abbiamo una Germania europea, non un’Europa tedesca, e l’euro non è stato in grado di impedire l’emergere di una forte potenza tedesca” – secondo il governatore della banca centrale d’Ungheria, la nascita dell’euro non è stata che una “trappola francese”. Video approfondimento:

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/cronaca_news) oppure iscrivendosi sul gruppo Whatsapp cliccando su questo link di invito.