Tumori, italiano fa ricerche e guarisce da melanoma recidivo con l’immunoterapia finendo sul Tg1 – video

Un tumore sulla fronte. Un melanoma. L’inizio di un’avventura paurosa ma a lieto fine per un italiano intervistato dal Tg1 che ha spiegato come, attraverso ricerche effettuate sul web, sia riuscito a conoscere la tecnica dell’immunoterapia. L’uomo racconta di aver scoperto un melanoma sulla sua fronte. Dopo una prima operazione, la recidiva: il tumore era ricomparso stavolta con accompagnato da delle metastasi. Dunque, la corsa alle tecniche alternative.  L’immunoterapia è un metodo per la cura delle patologie basato sull’impiego di sostanze che agiscono sul sistema immunitario.  La tecnica ha quindi lo scopo di indurre, amplificare o sopprimere una risposta immunitaria da parte dell’organismo. A seconda delle patologie neoplastiche, vengono proposte due differenti tipologie di immunoterapia:

Immunoterapia di soppressione: quando si vuole deprimere la risposta del sistema immunitario. L’immunoterapia di soppressione viene usata, ad esempio, per il trattamento di allergie, in cui vi è un’ipersensibilità dell’organismo nei confronti di determinati agenti esterni (antigeni). Lo scopo dell’immunoterapia, in questo caso, è di limitare l’eccessiva reazione immunitaria che si scatena in risposta al contatto con l’antigene; in questo modo si ottiene una desensibilizzazione dell’organismo nei confronti degli agenti scatenanti l’allergia. Altre circostanze che rendono opportuno il ricorso all’immunoterapia di soppressione comprendono i trapianti d’organo, per prevenire fenomeni di rigetto, e il trattamento di malattie autoimmuni.

Immunoterapia di attivazione: in questo caso, lo scopo dell’immunoterapia è quello di indurre o di amplificare una risposta immunitaria. È questo il caso dell’immunoterapia antimicrobica – comprendente i vaccini contro gli agenti infettivi – e dell’immunoterapia oncologica, ossia dell’immunoterapia impiegata nel trattamento di tumori.
L’immunoterapia di attivazione può essere impiegata anche in caso di immunodeficienza, causata da patologie (ad esempio, l’AIDS) o di origine iatrogena (effetto collaterale di altri trattamenti, quali la chemioterapia o la radioterapia). Oggi l’immunoterapia sembra sempre piu’ efficace per contrastare alcuni tipi di tumori e in futuro il suo utilizzo potrebbe persino sostituire del tutto la chemioterapia. Il video diffuso dal Tg1:

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/cronaca_news).