Tragedia sul lavoro in Svizzera: morti due giovani italiani

Ancora due morti sul lavoro, questa volta in Svizzera, a Camorino, in Canton Ticino. Oggi poco prima delle 13.30 presso il cantiere sull’A2, vi è stato un grave infortunio sul lavoro durante la posa di alcuni ripari fonici. A comunicarlo la Polizia Cantonale. Due operai stavano fissando un cassero in legno, largo 10 metri e alto 2.5 metri, e per cause che l’inchiesta di polizia dovrà stabilire, la struttura è caduta colpendo i due operai, un 36enne cittadino italiano, soggiornante in Riviera, e un 25enne cittadino italiano, soggiornante nel Bellinzonese.  Le due vittime sono Carlo Venini e Oscar Fascendini.

Nonostante i tentativi di rianimazione, sono deceduti a causa delle gravi ferite riportate. Sul posto sono intervenuti agenti della Polizia cantonale, i soccorritori della Croce Verde di Bellinzona e della Rega. Per prestare sostegno psicologico è stato richiesto l’intervento del Care Team Ticino. Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti” rileva che due altri nostri connazionali, costretti ad emigrare per trovare fortuna ed invece hanno trovato la propria fine.

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/cronaca_news).