Segregata, picchiata, violentata e legata al letto per tre giorni. Arrestato 39enne di Civitavecchia

Segregata in casa, picchiata, ferita con un coltello alle braccia e violentata ripetutamente dal compagno per tre giorni. E’ accaduto a Civitavecchia dove i Carabinieri  hanno arrestato un 39enne del posto già noto alle forze dell’ordine. La donna, fortunatamente  è riuscita a liberarsi in un momento che il violentatore si era allontanato dalla casa. Una volta fuggita, la donna, una 36enne, si è rifugiata in un negozio chiedendo aiuto. Allertati i soccorsi, sul posto sono giunti i Carabinieri e i sanitari del 118 che hanno trasportato la donna in ospedale. Qui i medici hanno riscontrato le violenze inflitte alla 36enne che ha riferito di essere stata legata al letto con del nastro adesivo e torturata, sfregandole un peperoncino piccante sugli occhi oltre alle ferite con il coltello e botte dappertutto.

Intanto il 39enne, rientrato a casa non ha trovato più la donna, quindi ha capito che lei era scappata e aveva dato l’allarme, quindi è fuggito per timore di essere arrestato. Ma è stato lui stesso che si è presentato spontaneamente alla caserma  dei Carabinieri. L’uomo è stato arrestato con l’accusa di sequestro di persona, lesioni personali continuate e pluriaggravate, violenza sessuale. La donna ora si trova presso un centro anti violenza per ottenere il giusto supporto psicologico ed economico.

Ricordiamo che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di Cronaca.news via Telegram attraverso l'indirizzo https://t.me/cronaca_news. I nostri link sono costantemente riportati anche su Facebook alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news.