Scuola, diplomati magistrali in sciopero della fame da giorni “il Governo ci aveva fatto promesse che non sono state mantenute”

Da circa sette giorni in sciopero della fame. Sono alcuni dei rappresentanti dei diplomati magistrali (insegnanti senza laurea con anni di esperienza nelle strutture scolastiche italiane) che rischiano di non avere garanzie per il proprio futuro professionale:

CHE FATICA LA VITA DA MINISTRA ???

Pubblicato da ANLI – Associazione Nazionale Liberi Insegnanti su Domenica 13 settembre 2020

Come segnalato da molteplici testate giornalistiche, infatti, molteplici rappresentanti del settore sono vittime di una vera e propria accelerazione dei licenziamenti dei Diplomati Magistrali da parte del Miur, alla “schifezza” della call veloce, al caos delle Gps, senza dimenticare l’insanato problema delle classi pollaio, delle scuole fatiscenti e, da ultimo, (e non per importanza) del vincolo quinquennale per i neo-immessi in ruolo. Una situazione che non è passata indifferente alla Presidente dell’associazione Associazione Nazionale Liberi Insegnanti così come riportato sulla Pagina Facebook. In ambito politico, solidarietà agli insegnanti GAE sono giunti dai banchi dell’opposizione mentre i precari della scuola sono ancora in attesa di fatti concreti dal Governo. A tal proposito, riportiamo qui sotto un recente intervento del parlamentare Rossano Sarro (Lega) che ha duramente criticato le scelte del Ministero della Pubblica Istruzione:

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/cronaca_news) oppure iscrivendosi sul gruppo Whatsapp cliccando su questo link di invito.