Scambi di foto e video di minori nudi su chat: denunciate sei persone dalla Polizia Postale

Sei persone sono state indagate dalla Polizia postale di Catania e di Messina per detenzione e divulgazione di materiale pornografico minorile sulla Rete. Le indagini, svolte sotto la direzione del Centro nazionale contrasto pedo-pornografia online (Cncpo) del Servizio polizia postale e delle comunicazioni, sono state avviate dopo la segnalazione della madre di una minorenne della provincia di Messina:

La donna si era accorta che sullo smartphone della figlia avveniva uno scambio di foto e video di minori nudi in pose erotiche: lo scambio viaggiava attraverso le chat con singoli utenti. Meticoloso il lavoro degli investigatori che, dall’analisi dei dati nelle chat del telefono della ragazza, hanno ricostruito le dinamiche di divulgazione del materiale pedopornografico e individuato i 6 maggiorenni attualmente indagati. Inoltre, sono stati identificati anche alcuni minorenni che sono stati segnalati alla procura per i Minorenni.

Prosegue ancora il lavoro degli investigatori per identificare i promotori dell’adescamento attraverso l’analisi dei computer e degli smartphone sequestrati durante le perquisizioni avvenute in diverse province italiane: Messina, Catania, Palermo, Milano, Napoli e Teramo.

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/cronaca_news) oppure iscrivendosi sul gruppo Whatsapp cliccando su questo link di invito.