Physical Address

304 North Cardinal St.
Dorchester Center, MA 02124

Ragazzo scomparso durante crociera, “caduto dalla nave”

Un passeggero che questa settimana è caduto in mare sulla più grande nave da crociera del mondo è stato identificato come uno studente universitario di 19 anni dello stato di Washington, che in quel momento era in vacanza con gli amici, ha annunciato la sua famiglia. Sigmund Ropich, conosciuto dai suoi cari come “boiboi”, era a bordo della Wonder of the Seas della Royal Caribbean quando si è rovesciato nelle acque al largo di Cuba martedì, secondo sua sorella Savannah. Lo riporta il NY Post:

 

“È un figlio, un fratello maggiore e uno minore, un cugino, uno zio, un nipote, un amico, un amico, un compagno di classe, un collega di lavoro, un vicino!!!” ha scritto il fratello sconvolto su Facebook.”Voglio solo che mio fratello torni a casa.” Savannah ha detto che Sigmund si stava godendo un viaggio con gli amici quando è caduto dalla nave da 230.000 tonnellate intorno alle 21:00 del secondo giorno di un viaggio di sette giorni da Port Canaveral, in Florida. È conosciuto come un ragazzo “riservato” che era “sempre fresco, calmo e raccolto”, ha detto. Non c’è più traccia di lui nei tre giorni trascorsi da quando è scomparso e, secondo quanto riferito, i funzionari stanno perdendo ogni speranza. Secondo quanto riferito, i funzionari di salvataggio cubani hanno detto alla famiglia di Sigmund che avrebbero rinunciato alla ricerca nelle acque profonde dell’oceano:

“I funzionari cubani ci hanno detto che avevano finito di cercare nell’oceano. Stanno continuando solo sulla costa e sulla terraferma. Ho la forte sensazione che metteranno fine a questa ricerca”, ha detto Savannah a Insider. “Siamo molto fiduciosi se riaprissero le ricerche nell’oceano… Abbiamo bisogno che le riaprano”.La famiglia Ropich è stata in gran parte tenuta all’oscuro della scomparsa di Sigmund, ha detto il fratello. La Royal Caribbean si è rifiutata di dire per quanto tempo l’equipaggio della nave ha cercato l’adolescente, anche se un blog di settore ha riferito che i soccorritori hanno trascorso circa tre ore a perlustrare le onde utilizzando fari, piccole imbarcazioni e osservatori dopo che la nave si era voltata e aveva ripercorso la sua rotta. “La squadra di ricerca deve continuare a cercare il nostro Boiboi!!!!” Ha scritto Savannah. “Abbiamo bisogno di risposte, abbiamo bisogno di aggiornamenti!!”“Siamo così lontani da lui. Per favore, portalo alla loro attenzione così possiamo riportarlo a casa! Per favore Signore!” Per favore, non ha ancora vissuto la vita, signore”.

Royal Caribbean in precedenza aveva affermato di aver collaborato con la Guardia costiera statunitense, ma i militari, hanno confermato al Post che le responsabilità di ricerca e salvataggio ricadono sotto la giurisdizione cubana. Tuttavia, in genere la crociera è la meta preferita delle persone che vogliono passare dei momenti di relax soli o in compagnia, questo perché non devono prendere mezzi pubblici, non devono fare controlli in aereo, prendere treni con immensi ritardi o guidare per ore. Sembra proprio il mezzo perfetto per potersi riposare in santa pace, se non fosse che, non appena sorpassi i 12 km dalla costa, non sei più difendibile dalla polizia del tuo Paese, né da quella del paese più vicino. Vige la legge marittima e quindi qualsiasi reato è responsabilità della nazione in cui la nave è legalmente registrata.

Quello che però in molti ignorano, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è che moltissime navi da crociera sono registrate sotto delle «bandiere di comodo», ovvero di piccoli Stati come Panama, Libia o Bermuda. Ross Klein della Canadian University of Newfoundland, ha documentato 315 episodi di persone scomparse da una crociera sin dal 2000. Alcuni casi sono di persone che hanno commesso un suicidio, altri a causa dell’abuso dell’alcol, «tuttavia, è preoccupante che in circa il 30 percento di tutti i casi non vi sia alcuna indicazione di cosa potrebbe essere successo ai passeggeri». Se ci pensiamo, la crociera è proprio il luogo perfetto per fare un crimine perfetto, più che altro perché sappiamo già di quanto siano profondi e inesplorati i fondali marini, di quanti pericoli ci siano al loro interno, di quanto pericolose possano essere le acque degli oceani come quelle del mare. A questo si aggiunge anche la questione legale: dove è avvenuto un crimine? In quale paese? Chi si deve occupare delle indagini? Dopo più di 300 persone scomparse dal 2000, queste domande sono ancora senza risposta. Link video:

#scomparso #crociera

Ricordiamo che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di cronaca.news anche su Facebook (cliccando qui) o iscrivendosi al canale Telegram (cliccando qui).