Quando 40 anni fa Franco Battiato annullò un concerto per salvare l’area naturale

Mentre in Italia si continua a discutere sull’impatto ambientale dei grandi concerti autorizzati sulle spiagge, a distanza di circa 40 anni, si ricorda un episodio emblematico che coinvolse all’epoca il compianto Franco Battiato:

“A Villasimius, in Sardegna, successe poi un fatto eccezionale”racconta Destrieri a ‘Il Fatto Quotidiano – “Era l’ultima data di un minitour sardo, e mentre stavo arrivando sul posto con la band incrocio la macchina di Battiato: stava andando via e ci faceva segno di seguirlo. Più tardi, arrivati in aeroporto, ci spiegò che aveva annullato il concerto: l’organizzazione stava tirando giù un bosco secolare per far spazio alla gente. Aveva fermato le ruspe e, accollandosi la penale, rinunciato a quella data”.

Le dichiarazioni non possono fare altro che alimentare inevitabilmente la discussione su quanto accaduto negli ultimi tempi, dove gli ambientalisti di svariate località italiane hanno preso dura posizione contro quelle iniziative giudicate troppi invasive nei confronti di dune, vegetazione ed animali selvatici. A distanza di molti anni, appare evidente come la discussione debba essere estesa anche in luoghi naturali ubicati non solo nella zona costiera ma anche nell’entroterra.

#bosco #natura #francobattiato #concerto

Ricordiamo che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di Cronaca.news via Telegram attraverso l'indirizzo https://t.me/cronaca_news. I nostri link sono costantemente riportati anche su Facebook alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news.