Putin punta alla Luna: nuove missioni per l’agenzia spaziale russa

themoscowtimes.com

La Russia riprenderà il programma lunare: lo ha confermato Vladimir Putin durante una visita al cosmodromo di Vostochny in occasione della Giornata della cosmonautica. Il Presidente della Federazione Russa ha parlato del lancio di un veicolo autonomo del complesso robotico spaziale Luna-25. Come ha sottolineato il Presidente russo, la Russia deve affrontare con successo le sfide dell’esplorazione spaziale per risolvere efficacemente i problemi del suo sviluppo. La Russia riprenderà il suo programma lunare, ha detto Vladimir Putin alla cerimonia di premiazione statale al cosmodromo di Vostochny. Il presidente ha espresso fiducia che la Russia continuerà ad attuare in modo coerente tutti i suoi piani nel settore spaziale, nonostante le “difficoltà e i tentativi di impedirlo dall’esterno” – (evidente allusione all’Occidente?).

Luna-25 (TASS)

Putin – riporta la stampa russa – ha osservato che la generazione dei creatori del razzo e del programma spaziale ha lasciato “non solo un colossale arretrato tecnologico“, ma anche quei valori a cui il paese è uguale oggi. Parlando delle sfide dell’esplorazione spaziale, Putin ha sottolineato che i successi in questo settore consentiranno di risolvere più efficacemente i problemisulla Terra”. Tra questi, il capo di stato ha menzionato gli obiettivi di sviluppo nazionale della Federazione Russa, rafforzando la sicurezza e la sovranità tecnologica, creando sviluppi avanzati nel campo della robotica e della microelettronica, dell’ecologia, della medicina, delle nuove energie, nonché della navigazione e delle comunicazioni.

Date di lancio e attività

“Luna-25” dovrebbe diventare il primo apparato su un satellite naturale della Terra nella storia della Russia moderna. Il capo progettista di questa stazione di ricerca, Pavel Kazmerchuk, ha parlato a RT nel marzo 2021 delle sfide che il progetto deve affrontare.  I compiti di Luna-25 sono confermare la presenza di acqua, ghiaccio d’acqua nelle regioni polari. Il ghiaccio, l’acqua è la risorsa più preziosa che esiste sulla Luna, in termini di creazione di basi abitate in queste aree. Questo è il supporto vitale di una persona, è potenzialmente energia, carburante“, ha affermato lo scienziato. Kazmerchuk ha anche osservato che il dispositivo sarà il primo atterraggio nella storia dell’esplorazione spaziale nelle condizioni del Polo Sud della Luna. Secondo lui, in questa parte del pianeta si osserva un rilievo molto complesso. Allo stesso tempo, Kazmerchuk ha spiegato che il sito di atterraggio è stato scelto tenendo conto dell’alto valore dei potenziali ritrovamenti per la ricerca. Link video:

In precedenza è stato riferito che il lancio di Luna-25 dovrebbe avvenire nell’estate del 2022. In particolare, il capo di Roskosmos, Dmitry Rogozin, ne ha parlato alla fine di marzo. Durante un incontro con la comunità di esperti, ha anche affermato che, nonostante le sanzioni, i test del sistema di atterraggio ad alta precisione sono stati completati con successo il giorno prima. A sua volta, all’inizio di aprile, ha preso il nome il vice progettista generale per i sistemi elettrici NPO. SA Lavochkin Alexander Mitkin ha chiarito che il lancio della stazione interplanetaria automatica “Luna-25” dal cosmodromo di Vostochny è previsto per il 22 agosto, secondo il piano.

“Tanti esperimenti ci permetteranno di comprendere meglio il sistema solare”

Il principale ricercatore presso l’Istituto di ricerca spaziale dell’Accademia delle scienze russa Nathan Eismont, in un’intervista con RT, ha osservato che i progetti sulla scala di Luna-25 sono in preparazione da molto tempo.

Questo progetto è in preparazione da dieci anni e ora sta uscendo. 22 agosto – lancio, e tre giorni e mezzo dopo il lancio siamo sulla luna, nella regione del polo sud. E lì sono previsti molti esperimenti che ci permetteranno di comprendere meglio non solo la Luna, ma anche il sistema solare”, ha affermato lo specialista. Secondo lui, come parte del lavoro imminente sono previsti “esperimenti molto ambiziosi”. Lo scienziato ha espresso la speranza che questo volo “fornirà risposte a domande chiave che rimangono ancora nella zona di incertezza“. Per molto tempo, e con l’aiuto dei nostri dispositivi, è stato stabilito che c’è acqua sulla Luna, ovvero l’elemento costitutivo dell’acqua è l’idrogeno. Questo dispositivo confermerà che l’acqua, in quale stato la immaginiamo, si trova sulla superficie della luna”, ha concluso Eismont. 

Ricordiamo che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di Cronaca.news via Telegram attraverso l'indirizzo https://t.me/cronaca_news. I nostri link sono costantemente riportati anche su Facebook alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news.