Orfani dopo incidente, 7 bambini adottati da una coppia

Una coppia che si stava preparando ad andare in pensione ha rivelato di sentirsi obbligata ad adottare sette bambini dopo aver visto un annuncio sui social media che descriveva come i fratelli fossero rimasti senza una ‘casa per sempre’ quando dopo la morte dei loro genitori naturali, avvenuta in un incidente stradale:

Pam, 50 anni, e Gary Willis, 53 anni, di Menifee, California, che nel corso della loro vita hanno avuto cinque figli, hanno spiegato che la loro casa si era svuotata dopo che i loro figli naturali sono andati via per formare altre famiglie. Si preannunciava dunque un’anzianità senza giovani in casa quando Pam ha notato un annuncio di Facebook alla ricerca di una casa permanente per Adelino, quindi anni, Ruby, tredici, Aleecia, nove, Anthony, otto, Aubriella, sette, Leo, cinque e Xander, quattro, che erano stati in affidamento per oltre un anno dopo che entrambi i genitori sono morti tragicamente in un incidente stradale. Pam ha detto a Today.com che non poteva smettere di fissarli in faccia, dicendo: “Non posso spiegarlo – sapevo solo che avrei dovuto essere la loro mamma”.  Pam ha detto di non aver mai discusso di adozione con Gary e si aspettava che la chiamasse “pazza” perché si stavano preparando a ritirarsi, ma lo ha comunque taggato nel post di Facebook:

Ha spiegato che entrambi sentivano che “era quello che Dio voleva che facessimo”, ma quando hanno chiamato il numero sull’annuncio gli è stato detto che migliaia di altre persone avevano già presentato domanda.  Pam ha detto che i bambini hanno faticato a dormire per i primi mesi dopo essersi trasferiti nella loro casa, tuttavia la famiglia ha avuto una gioiosa cerimonia di adozione lo scorso agosto. Pam e Gary ora vantano quasi 49.000 follower su Instagram che documentano le loro vite con i bambini. In un lungo post, hanno riassunto la prima volta che Pam ha notato i bambini su Facebook e rivela che si sono trasferiti a casa loro il 7 giugno 2019. Sapevamo nel profondo che questa missione era stata posta davanti a noi. Se non noi, allora chi? Erano stati in affidamento per un anno da quando i loro genitori erano rimasti uccisi nell’incidente d’auto a cui erano tutti miracolosamente sopravvissuti. ‘Chi li terrebbe tutti insieme? Chi avrebbe lo spazio per loro? Chi avrebbe tempo, amore e pazienza per il proprio trauma? La risposta era chiara … lo avremmo fatto “, hanno scritto. 

Ricordiamo che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di Cronaca.news via Telegram attraverso l'indirizzo https://t.me/cronaca_news. I nostri link sono costantemente riportati anche su Facebook alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news.