Oltre 50 operai sfruttati in un’azienda agroalimentare nelle Marche: blitz della Guardia di Finanza – VIDEO

Indagini per reato di caporalato a Fermo nelle Marche, dove la Guardia di Finanza ha scoperto oltre 50 operai sfruttati, tutti stranieri, in un’azienda agroalimentare del capoluogo marchigiano. Dodici ore di lavoro al giorno invece di cinque come da contratto. I dipendenti erano costretti a ridurre la loro pausa pranzo a mezz’ora, non potevano assentarsi per ferie o per motivi personali.  Le indagini hanno avuto inizio in seguito alla denuncia di un ex dipendente, licenziato dall’azienda per essere andato al pronto soccorso a causa di un grave infortunio sul lavoro.

L’operazione, denominata “Tempi supplementari”, ha portato alla luce una situazione molto diversa da quella che emergeva dalla documentazione ufficiale. Dalle testimonianze di altri ex dipendenti sono emerse situazioni di grave sfruttamento e ingiuste condizioni di assunzione nei confronti dei lavoratori. Inoltre, con l’ausilio del Comando provinciale dei vigili del fuoco  e della locale Asur, sono stati raccolti elementi utili ad accertare il rispetto della normativa sulla sicurezza e sulle condizioni igienico sanitarie dei luoghi di lavoro. Sono tutt’ora in corso le indagini. VIDEO:

Ricordiamo che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di Cronaca.news via Telegram attraverso l'indirizzo https://t.me/cronaca_news. I nostri link sono costantemente riportati anche su Facebook alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news.