No Tav: Cassazione annulla la sentenza per i disordini dell’estate 2011

Processo ai No Tav? Tutto da rifare: dovrà essere rifatto il processo di appello a carico dei militanti No Tav coinvolti negli scontri che si verificarono in Valsusa tra il giugno e il luglio 2011. Lo ha deciso la Cassazione, che ha annullato la sentenza pronunciata nel 2016 dalla Corte d’Appello di Torino a carico di 38 imputati. In particolare, un imputato è stato assolto per non aver commesso il fatto, per altri sette imputati sono stati eliminati alcuni capi di imputazione e rinviato a nuovo giudizio per la determinazione della pena per i reati residui, mentre per 26 la Suprema Corte ha accolto il ricorso e rinviato per nuovo giudizio.

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/cronaca_news).

“La sentenza della Cassazione commenta all’Adnkronos l’avvocato Roberto La Macchia, legale del militante assolto – ha ridimensionato la gravità dei fatti escludendone alcuni e obbliga la Corte d’Appello di Torino a un nuovo processo alla luce dei principi stabiliti dalla Cassazione”. “La Cassazione aggiunge all’Adnkronos Gianluca Vitale, legale di alcuni No tavper quanto riguarda i fatti del 27 giugno 2011 ha messo in discussione il reato di lesioni e ha disposto che venga rivista la pena per gli imputati mentre per i fatti del 3 luglio ha rinviato a un nuovo processo. Non sappiamo al momento quali siano le motivazioni ma sicuramente quella che era l’ipotesi della procura torinese non ha retto”.