Napoli: arrestate 11 persone per spaccio e usura, in manette anche un carabiniere

Sono 11 le ordinanze di custodia cautelare eseguite dai Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli nell’ambito delle indagini su un giro di usura gestito dalla camorra. I provvedimenti sono stati emessi dal gip presso il Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia. Gli indagati devono rispondere, a vario titolo, dei delitti di usura, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, nonché detenzione illegale di armi comuni da sparo, tutti aggravati dalla finalità di favorire il clan camorristico denominato Baratto – Volpe, operante nel quartiere partenopeo di Fuorigrotta e rientrante nella sfera di influenza e controllo della consorteria denominata “Alleanza di Secondigliano” o “il Sistema”.

Tra gli indagati figura un appartenente all’Arma dei Carabinieri, indiziato di avere commesso il delitto di corruzione per il compimento di un atto contrario ai doveri d’ufficio. Nel corso delle indagini, inoltre, sono stati documentati ben 9 casi di usura, commessi ai danni di esercenti attività imprenditoriali (tra cui un noto ex calciatore del Napoli), a fronte dei quali gli indagati avrebbero applicato tassi di interesse variabili tra il 25% ed il 40%.

Ricordiamo che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di Cronaca.news via Telegram attraverso l'indirizzo https://t.me/cronaca_news. I nostri link sono costantemente riportati anche su Facebook alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news.