Migranti, nuovo Governo italiano cambia le regole: sbarcano solo persone deboli. Protesta parlamentare di opposizione: “viola diritti umani, facciamoli scendere tutti”. Salvini: “non prendiamo lezioni da ong tedesca, finalmente si difendono i confini” – video

Cambia il Governo, cambiano le disposizioni nell’ambito dell’accoglienza dei migranti irregolari. La prima dimostrazione di questo cambiamento è rappresentato nei fatti dall’arrivo della nave “Humanity 1” – della ong Sos Humanity – attraccata ieri sera a Catania con 179 migranti naufraghi a bordo. Stando a quanto si apprende, dalla nave sono scesi tre ragazze minorenni ed un bambino di 7 mesi, mentre sul molo una trentina di attivisti chiedevano lo sbarco di tutti i naufraghi. Sul posto anche il parlamentare Aboubakar Soumahoro (Alleanza Verdi e Sinistra) che, appellandosi anche al Presidente della Repubblica, si è appellato per lo sbarco dell’intero equipaggio:

Secondo Soumahoro, il nuovo decreto del Governo Meloni viola la “Convenzione Unclos e altri trattati internazionali che obbligano a prestare soccorso e salvare vite umane in mare; l’articolo 10, 11 e 117 della Costituzione che vincolano l’Italia all’ordinamento comunitario e agli obblighi internazionali; l’articolo 33 della Convenzione di Ginevra, l’articolo 19 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e l’articolo 19 comma 1.1 del Testo Unico sull’immigrazione che sanciscono il principio di non respingimento.
Inoltre questo decreto-legge di deriva disumana e illegale presenta alcuni vizi di incostituzionalità:

fa riferimento a norme già abrogate come ad esempio la 1624 del 2016 abolita nel 2019;
non rispetta l’articolo 77 della nostra Costituzione perché in questa situazione non c’erano “casi straordinari di necessità e di urgenza” per legiferare. Questo decreto è stato adottato con lo scopo strumentale di usare la vita dei naufraghi e delle naufraghe come deterrente per il braccio di ferro con le cancellerie europee;
la sentenza numero 22 del 2012 della Corte Costituzionale sancisce che ogni decreto legge dev’essere “omogeneo”, altrimenti presenterebbe vizi di incostituzionalità non sanabili durante la sua conversione parlamentare. Se il decreto rientra in questo, presenterebbe profili che lo renderebbero incostituzionale. Infine, l’articolo 53 della Convenzione di Vienna dice che è nulla qualsiasi legge in contrasto con una norma imperativa di diritto internazionale. Quindi l’applicazione del decreto-legge del Governo Giorgia Meloni non sarebbe nemmeno vincolante. Davanti a queste palesi violazioni dei diritti umani, delle leggi internazionali e nazionali agiremo in ogni sede e con ogni strumento della democrazia per ristabilire la legalità e la giustizia. Occorre ricordare al Governo Meloni che secondo la Cassazione, sezioni unite, il diritto all’asilo é un diritto soggettivo perfetto che sorge nel momento in cui si verifica la vulnerabilità“ – ha sottolineato il parlamentare di opposizione. Secca la replica del Ministro dei Trasporti:

“Lezioni da una ong tedesca l’Italia non ne prende, Berlino vi aspetta” – ha dichiarato sui social Matteo Salvini. “Finalmente si tornano a difendere i confini e le leggi del nostro Paese. Come sempre garantiremo soccorso e assistenza, ma vietiamo la sosta nelle acque territoriali italiane per le ong straniere: orgoglioso di aver firmato il provvedimento, insieme ai ministri dell’Interno, Piantedosi, e della Difesa, Crosetto“ – ha ribadito il leader della Lega. Link video:

Ricordiamo che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di Cronaca.news via Telegram attraverso l'indirizzo https://t.me/cronaca_news. I nostri link sono costantemente riportati anche su Facebook alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news.