Migranti, Guardia costiera italiana salva bimba che riabbraccia la madre – video

Un marinaio della Guardia Costiera si è lanciato in mare e ha salvato così una bambina durante un naufragio avvenuto al largo delle coste di Lampedusa il 23 novembre. Proibitive le condizioni del mare, con onde alte fino a 2 metri:

Oltre a due soccorritori marittimi “Rescue Swimmer”, nell’intento di salvare i naufraghi si è lanciato in mare anche il direttore di macchina della motovedetta. Nel frattempo, gli equipaggi rimasti a bordo hanno lanciato in mare salvagenti anulari, cime galleggianti, parabordi e qualsiasi altra cosa potesse permettere ai naufraghi di aggrapparsi e salvarsi dall’annegamento certo. La bimba si chiama Faven ed è una piccola eritrea che ha potuto abbracciare la madre, una delle superstiti del naufragio. Un post diffuso dalla ONG Open Arms Italia:

"Devi comportarti come se fosse possibile cambiare radicalmente il mondo e devi farlo costantemente".Angela DavisAlle…

Pubblicato da Open Arms Italia su Lunedì 25 novembre 2019

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/cronaca_news) oppure iscrivendosi sul gruppo Whatsapp cliccando su questo link di invito.