Luglio 1985: Cosa Nostra uccide Beppe Montana

“#pernondimenticare #inostricaduti – Il 28 luglio 1985 un commando di sicari armati sorprese il commissario Giuseppe “Beppe” Montana mentre stava sistemando la sua barca in un rimessaggio di Porticello, Palermo, uccidendolo a sangue freddo. Capo della sezione “catturandi” della Squadra mobile di Palermo è stato un implacabile investigatore, che nel corso degli anni è riuscito a colpire le fila di cosa nostra con numerosi arresti di latitanti, componenti di spicco della mafia palermitana” – ricorda sui social la Polizia di Stato che ha poi aggiunto:

“Grazie alla mostra “la stanza della memoria”, inaugurata di recente nella questura di Palermo, la sua storia potrà essere conosciuta dai più giovani. Con loro saranno condivisi i valori di impegno, sacrificio e passione che caratterizzavano l’agire del commissario Montana e che, ancora oggi, sono d’esempio per i poliziotti nella lotta alla criminalità organizzata” – concludono dalla Pagina Facebook della PS. A tal proposito, riportiamo qui sotto il link ad un video-approfondimento diffuso sul web:

https://www.youtube.com/watch?v=IaLERaYvQX8

Ricordiamo che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di Cronaca.news via Telegram attraverso l'indirizzo https://t.me/cronaca_news. I nostri link sono costantemente riportati anche su Facebook alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news.