L’influenza sta tornando in Italia. Oltre alla prevenzione alcuni consigli utili per contrastarla

Terminate le vacanze e con i primi freddi alle porte è inevitabile parlare del classico malanno di stagione: l’influenza. È sempre difficile dire quando colpirà, però ci avviciniamo. E se prevederne l’arrivo non è possibile con precisione è vero anche che ci si può affidare alle statistiche:

Il picco di solito varia tra Natale e Carnevale. Quindi possiamo stimare un “inizio” verso la fine di novembre. Se non è possibile stabilire con precisione quando arriverà il virus non è nemmeno attendibile una previsione circa l’aggressività dello stesso. Al momento non abbiano ancora nessuna avvisaglia in Italia. Registriamo sono i primissimi casi, ma si contano su una mano. I virus che girano sono i soliti, ma ricordiamoci che sono forme di vita in grado di mutare e adattarsi. Insomma, meglio prevenire. Per difendersi la prevenzione è fondamentale evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello  “Sportello dei Diritti”. Ma anche:

lavarsi le mani, coprirsi la bocca con un fazzoletto o con il braccio quando si starnutisce o tossisce, e in particolare restare a casa quando si presentano i sintomi dell’influenza. Il periodo più a rischio sarà come sempre quello dopo Natale quando un mix tra basse temperature, dopo baci e abbracci tra parenti, darà un’accelerata alla diffusione dei virus influenzali.

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/cronaca_news) oppure iscrivendosi sul gruppo Whatsapp cliccando su questo link di invito.