Le spese dei parlamentari europei restano segrete “per rispetto della privacy” ma ai cittadini chiedono sacrifici

Mentre anche la politica italiana ed europea – pur di restare in Unione Europea – chiede sacrifici ai suoi cittadini, restano segrete le spese effettuate da coloro che sono riusciti a farsi eleggere nel parlamento europeo. La corte di giustizia dell’UE ha infatti tempo fa rigettato la richiesta di rendere pubbliche le spese affrontate dai parlamentari europei per la gestione dei loro uffici. Lo riportava anche Euronews:

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/cronaca_news) oppure iscrivendosi sul gruppo Whatsapp cliccando su questo link di invito.