I fidanzati potranno rincontrarsi nella fase 2: sono compresi tra i “congiunti”. Le precisazioni di Palazzo Chigi

Nella fase 2 del periodo di emergenza nazionale causata dal virus Covid-19 e annunciata dal premier Giuseppe Conte (che partirà dal 4 maggio 2020), i rapporti autorizzati tra congiunti comprenderanno quelli tra fidanzati. La delicata questione è stata chiarita da molteplici testate giornalistiche telematiche:

Il termine “congiunti” ha generato diversi dubbi.  Da qui la decisione di Palazzo Chigi di fornire un primo chiarimento in attesa delle Faq:  con “congiunti” si intendono “parenti e affini, coniuge, conviventi, fidanzati stabili, affetti stabili”.  Solo pochi minuti prima il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, aveva sottolineato con un tweet il suo pensiero: “Abbiamo fatto le unioni civili, crediamo nelle libertà, non possiamo permettere allo Stato di decidere chi dobbiamo vedere. Altro che congiunti”, sono le sue dichiarazioni riportate da un’intervista a Tgcom24. “Non si può mettere in discussione se incontri Tizio o Caio, perché questo non ti compete, non tocca allo Stato”, aggiungeva Renzi. Anche per il capogruppo alla Camera del Pd, Graziano Delrio, è giusto aprire agli incontri tra fidanzati, includendo nella definizione anche “tutti quelli che hanno veri moti d’affetto”, spiega a Un Giorno da Pecora, su Radio1.

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/cronaca_news) oppure iscrivendosi sul gruppo Whatsapp cliccando su questo link di invito.