Gettoni d’oro Rai, svolta nell’inchiesta a distanza di anni dal servizio di Report

Da un servizio di Report del 2016 disponibile online: “La Rai sborsa ogni anno dai 6 ai 10 milioni di euro in gettoni d’oro che acquista dalla Istituto Poligrafico Zecca dello Stato. Sono i gettoni con cui premia i vincitori dei concorsi a quiz. Il premio in gettoni d’oro è ormai un meccanismo consolidato dal 1955, con la trasmissione Lascia o Raddoppia; i gettoni vengono usati al posto del denaro contante per non violare la legge sul gioco d’azzardo. Ma la Rai si distingue perché è l’unica televisione al mondo a premiare con gettoni d’oro 999,9, che significa che su un chilo ci sono più di 999 grammi di oro:

il massimo della purezza. Le altre emittenti televisive, come Mediaset, pagano con gettoni in oro 750. La Rai ha un contratto di fornitura esclusiva con la Zecca dello Stato, la quale conia i gettoni d’oro e li certifica. Ma è davvero tutto oro quello che luccica, anche se proviene dalla Zecca? E soprattutto, da chi compra la Zecca i lingotti d’oro per coniare i gettoni della Rai?” – si chiedevano dal noto programma televisivo. In seguito, si è reso noto della

“truffa in danno alla RAI/Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato per la falsa documentazione relativa ai gettoni d’oro vinti in una trasmissione televisiva, in realtà, mai coniati e mai consegnati‘ ha prodotto un danno di 733.159 euro“. Così il procuratore regionale della Corte dei Conti del Lazio, nella relazione presentata in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario 2022. Nell’inchiesta firmata da Ranucci, “A caval donato”, i giornalisti si erano chiesti come mai la Rai fosse televisione al mondo a premiare con gettoni d’oro 999,9, il massimo della purezza. Il link al servizio diffuso su RaiPlay:

https://www.rai.it/programmi/report/inchieste/A-caval-donato-acf66bd4-0181-4d0d-86aa-329b0a4d7933.html

Ricordiamo che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di Cronaca.news via Telegram attraverso l'indirizzo https://t.me/cronaca_news. I nostri link sono costantemente riportati anche su Facebook alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news.