Finanza internazionale svaluta l’Italia: Fitch anticipa rating per declassare il belpaese. L’economista Malvezzi: “vogliono costringerci ad accettare il MES” – video

L’agenzia di rating ha deciso di anticipare il giudizio sul nostro Paese che era in realtà previsto per il 10 luglio. L’outlook adesso è «stabile»:

L’agenzia Fitch ha declassato l’Italia, portando il rating sul debito sovrano del nostro Paese da «Bbb» a «Bbb-», un gradino al di sopra del limite che separa dal mondo dei «junk» bond, ovvero la “spazzatura”, considerato il gradino più basso in assoluto. Si tratta di un livello pari a quello di Moody’s, l’agenzia più critica nei confronti dell’Italia, e di un gradino al di sotto di S&P, che invece aveva confermato il giudizio venerdì scorso.  Il livello scelto è stato il BBB-, il livello più in basso sarebbe BB+. Questa decisione è in controtendenza alla scelta di Standard and Poor’s dei giorni scorsi, quando aveva mantenuto il livello, ma con outlook negativo. Per l’economista Valerio Malvezzi, che aveva previsto una simile possibilità proprio sulle nostre frequenze la scorsa settimana, l’insolita iniziativa nasconderebbe una speculazione per costringere l’Italia ad accettare il MES:

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/cronaca_news) oppure iscrivendosi sul gruppo Whatsapp cliccando su questo link di invito.