Esplosione in un laboratorio che contiene virus vaiolo, antrace ed Ebola. Paura in Russia. Ecco dove

Sembra la trama di un perfetto perfetto film apocalittico e invece è realtà: un incidente in una struttura di ricerca di armi biologiche del governo top-secret sarebbe avvenuto lo scorso 16 settembre 2019. Lunedì, un’esplosione di gas si è verificata a Vector, il Centro di ricerca statale di virologia e biotecnologie nella città scientifica di Koltsovo, a circa 20 km da Novosibirsk, la terza città più popolosa della Russia:

Il centro di ricerca è uno dei due soli posti al mondo a cui è consentito conservare i virus Variola che causano il vaiolo. L’altra è una struttura di Centers for Disease Control and Prevention (CDC) ad Atlanta. Secondo l’agenzia di stampa russa indipendente Interfax, il 16 settembre un’esplosione di gas ha provocato un incendio al quinto livello di un edificio Vector. Il conseguente incendio ha solo bruciato un’area di circa 30 metri quadrati (320 piedi quadrati) e ferito una persona, che è stata ricoverata in ospedale. L’esplosione non è stata collegata a sforzi scientifici, ma è avvenuta in un’area sanitaria e di disinfezione in fase di ristrutturazione. Il sindaco della città scientifica, Nikolai Krasnikov, ha detto a Interfax che la posizione dell’incendio non era in uso attivo e che non erano presenti materiali a rischio biologico. Le notizie sull’evento sono coerenti su tutta la linea, poiché il servizio di notizie della città scientifica locale e l’ istituto stesso hanno confermato la notizia. È in corso un’indagine federale per determinare se vi è stata una violazione dei requisiti di sicurezza sul lavoro che potrebbe aver portato all’incidente.

Quindi, le persone su Internet sono nel panico ora che questa notizia ha raggiunto il mondo in lingua inglese? Assolutamente no. Soprattutto tra i titoli che usano frasi evocative “strutture per la ricerca sulle rocce esplosive” e una traduzione errata che afferma che “tutto il vetro dell’edificio si è rotto”. In realtà, Interfax ha dichiarato (in russo) che alcune finestre nell’edificio erano rotte, senza specificare quante.Tuttavia, la confusione ha portato al panico di massa su Twitter –  hashtag “bioweapons” , chiunque? In realtà, Vector – una delle principali strutture di ricerca nel suo campo – è un enorme centro attraverso diversi edifici con oltre 1.600 membri del personale che lavorano a numerosi progetti di bioresearch che coinvolgono molto più di solo alcune fiale di vaiolo. Le probabilità che l’esplosione abbia in qualche modo scatenato una piaga sul mondo sembrano estremamente piccole, per non parlare del fatto che se una pericolosa fiala si aprisse in un incendio, i microbi brucerebbero. Sai. Ma non è neppure immaginario il pericolo del bioterror. Il vaiolo appare ancora come un disturbo estremamente contagioso e devastante dai libri di storia, una reputazione che compete direttamente con la sua storia di successo come la prima malattia in assoluto che abbiamo sradicato dalla faccia del nostro pianeta. Video:

Un’esplosione di gas ha provocato un incendio in una struttura di armi biologiche russe che immagazzina virus tra cui Ebola , vaiolo e antrace. L’esplosione è avvenuta lunedì dopo che una bombola di gas è esplosa durante i lavori di riparazione programmati al quinto piano del Centro statale russo a sei piani per la ricerca sulla virologia e le biotecnologie, comunemente noto come Vector, la struttura ha affermato in una nota Nessun materiale biologico è stato trattenuto nella sala di ispezione sanitaria dove si è verificata l’esplosione e nessun danno strutturale è stato causato all’edificio di laboratorio in cemento, ha aggiunto il centro. Un lavoratore è stato portato in ospedale ed è in cura intensiva per le ustioni, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa russa TASS . Un incendio di 30 metri quadrati è stato successivamente estinto dai vigili del fuoco. La struttura di armi biologiche, situata a Koltosvo, nella regione di Novosibirsk in Siberia, è nota per essere uno dei due centri al mondo che ospita campioni di vaiolo. I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie sono l’unico altro centro al mondo noto per contenere campioni vivi della malattia. In origine, il centro era utilizzato per sviluppare la ricerca di armi biologiche durante l’era sovietica della guerra fredda. Ora è uno dei più grandi centri scientifici virologici e biotecnologici in Russia.

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/cronaca_news) oppure iscrivendosi sul gruppo Whatsapp cliccando su questo link di invito. Fonti news:

https://www.sciencealert.com/explosion-at-russian-lab-that-houses-smallpox-sends-internet-into-panic

https://time.com/5678982/russia-explosion-lab-ebola-smallpox/

Ricordiamo che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di Cronaca.news via Telegram attraverso l'indirizzo https://t.me/cronaca_news. I nostri link sono costantemente riportati anche su Facebook alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news.