E’ iniziata la seconda guerra siriana: la Turchia attacca i curdi che sconfissero l’Isis. “Piano di ingegneria etnica” – video

L’operazione militare della Turchia contro le forze curde nel nord-est della Siria è cominciata:

Lo ha annunciato su Twitter il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan. L’operazione turca, denominata “Peace Spring” – fonte di pace – prevede a a “neutralizzare la minaccia terroristica contro la Turchia e creare una zona cuscinetto per facilitare il ritorno dei rifugiati siriani nelle loro case”. Durante la notte, secondo l’osservatorio nazionale dei diritti umani in Siria l’artiglieria turca ha già colpito alcune basi curde nel nord del Paese. Il comando generale delle FDS si appella “alla comunità internazionale e a tutti i paesi della coalizione internazionale contro l’ISIS che hanno combattuto insieme e trionfato sul cosiddetto califfato ISIS di svolgere le proprie responsabilità ed evitare un possibile disastro umanitario imminente“. Un video documenta i bombardamenti:


Rt ha diffuso queste immagini:

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/cronaca_news) oppure iscrivendosi sul gruppo Whatsapp cliccando su questo link di invito.

Il piano di Erdogan, inoltre, consisterebbe nel portare avanti il suo piano al confine con la Siria, dove cancellare i nemici e posizionare, con un’operazione di ingegneria etnica, i profughi siriani. Il Cremlino ha riportato alcune conclusioni della conversazione telefonica tra presidenti, avvenuta poco prima dell’attacco turco in territorio siriano contro curdi e Isis. Putin: “Riflettete attentamente”. Erdogan ha promesso: “Contribuiremo alla stabilità nell’area”. Nel frattempo, avanza l’esercito turco:

come riporta Sputnik, dopo le ore 20,00 di oggi “l’esercito turco è entrato nella città siriana di Tel Abyad, situata nel nord del Paese; qui sono iniziati gli scontri con i combattenti delle milizie curde SDF, emerge dalle testimonianze”. In serata, è intervenuto anche il presidente americano, Donald Trump. Lo ha fatto con una dichiarazione ufficiale diffusa dalla Casa Bianca in cui, dopo aver lasciato campo all’attacco di Ankara, ha condannato l’azione di Erdogan: “Gli Stati Uniti non appoggiano l’attacco turco in Siria e hanno detto chiaramente alla Turchia che questa operazione è una cattiva idea, si legge. Video (Euronews):