Crimi ci ha salvato dal MES. Il futuro dell’Italia? Si decide in Parlamento.

Conte avrebbe definito le regole del MES “inaccettabili“. Almeno, questo è quanto si evince da fonti giornalistiche dopo l’incontro svolto con i leader delle opposizioni di centrodestra. Sull’ipotesi Meccanismo Europeo di stabilità, il premier si era anche confrontato con gli esponenti del Movimento 5 Stelle. Oltre al Ministro Di Maio, importante si sarebbe rivelato il ruolo dell’attuale capo politico del M5S:

“Questo è l’appello sottoscritto da 67 economisti italiani e rivolto all’Europa e alle sue istituzioni. Lo sottoscrivo a mia volta, perché molti dei punti da loro proposti mi trovano assolutamente d’accordo. Purtroppo, l’Europa dei vincoli e dell’austerità resiste, non ha ancora mollato gli ormeggi. Se non si deciderà a farlo una volta per tutte, questa sarà la sua condanna. Il Mes è una delle zavorre di cui ci dobbiamo definitivamente liberare per costruire finalmente l’Europa del XXI secolo, un’Europa che sia in grado di sopravvivere ai cambiamenti che stiamo vivendo e di dare risposte ai popoli che ne fanno parte”riporta su Facebook Vito Crimi, condividendo il link di un articolo critico nei confronti degli attuali vertici della BCE. Nel post, Crimi prosegue:

“Questa emergenza non riguarda solo l’Italia, ma è comune a tanti Paesi europei e del mondo. Un’emergenza che ha drammaticamente svelato tutta la fragilità di quegli strumenti che erano stati pensati dalle economie forti per controllare le politiche economiche dell’Unione. Stiamo affrontando una crisi globale: o ci salviamo tutti insieme, o affonderemo tutti insieme. Mi auguro che questo sia chiaro a tutti. E se qualcuno pensa di riuscire a salvarsi da solo, non andrà lontano. Mi fa sinceramente piacere, infine, che anche il presidente dell’Europarlamento David Sassoli abbia riconosciuto quanto le condizionalità del Mes siano state spesso odiose. Occorre trovare nuovi strumenti, più efficaci e condivisi. Solo così riusciremo a costruire insieme la migliore comunità europea possibile, che metta finalmente al centro i diritti e le esigenze dei cittadini” – conclude il capo politico del M5S. Il MES porta delle condizioni inaccettabili. Qualunque decisione che ipotechi il futuro di questo paese, deve fare tutti i passaggi istituzionali” – ha poi aggiunto in un intervento radiofonico:

Intervento a Radio1 Rai del 20/03/2020

Questa mattina a Radio1 Rai abbiamo parlato di Coronavirus, di cosa sta facendo il Governo per salvaguardare la salute pubblica e di quali misure possiamo mettere in campo per contrastare ancor di più la diffusione dei contagi. Tutto ciò che possiamo fare per aiutare le nostre imprese, i lavoratori e tutti i cittadini in questo periodo di emergenza sanitaria e di difficoltà economica, lo faremo. Condivido con voi il mio intervento.

Pubblicato da Vito Crimi su Venerdì 20 marzo 2020

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/cronaca_news) oppure iscrivendosi sul gruppo Whatsapp cliccando su questo link di invito.