Conte: “no al MES, non ha considerazione per la mia patria” – video

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha confermato l’intenzione di prorogare i blocchi almeno sino al 13 aprile (giorno di Pasquetta). Le festività, dunque, verranno inevitabilmente condizionate dall’emergenza sanitaria causata dal virus Covid-19:

Conte non ha voluto sbilanciarsi sul termine della prima fase dell’emergenza. Tutto dipenderà anche dal senso di responsabilità dei cittadini nei confronti del rispetto delle regole. Il premier ha poi sottolineato anche il senso delle sanzioni nei confronti dei trasgressori, anche all’insegna del rispetto di chi sta mettendo a rischio la propria vita per combattere il virus nelle strutture ospedaliere. Per Conte, al termine della prima fase emergenziale, si passerà ad una seconda fase che consisterà nella “convivenza con il virus” ed infine una terza fase con la rilancio dell’Italia, sblocando tutto e rilanciando il lavoro e l’economia nazionale. Rispondendo ad uno dei giornalisti i collegamento con Palazzo Chigi, Conte è poi tornato ad esprimere il suo parere riguardante il tanto discusso MES (Meccanismo Europeo di Stabilità):

“è uno strumento inadeguato, nato in un altro contesto, con altre logiche, con vecchie regole. Nato per accompagnare singoli stati che sono in tensione finanziaria verso percorsi anche virtuosi verso l’uscita di queste situazioni di tensione finanziaria. E’ uno strumento nato per shock asimmetrici. Noi stiamo attraversando uno shock, uno tsunami di portata epocale … ho detto ai colleghi non proponetemi di propormi il MES perché non ha assolutamente nessuna considerazione ai miei occhi, gli occhi del mio paese, della mia patria. Detto questo, se verrà elaborato in forma diversa in un ampio pacchetto di ventagli dove i soldi che abbiamo messi vengano messi a disposizione di tutti i paesi, può essere uno strumenti per farci lavorare e mettere in piedi una strategia europea che ci consenta di dire che l’Europa c’è e che ci può consentire di agire in maniera unitaria”. Video:

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/cronaca_news) oppure iscrivendosi sul gruppo Whatsapp cliccando su questo link di invito.