Conte: “la data del 31 luglio 2020 non è delle misure restrittive, ma dello Stato di emergenza” – video conferenza stampa

Approvato il decreto che introduce multe ‘salate’ fino a un massimo di 4 mila euro e sanzioni più dure per chi aggira le misure per arginare la diffusione del Covid-19. Lo ha annunciato oggi il Presidente del Consiglio dei Ministri:

Non è prevista la confisca di auto, moto e veicoli ma multe che vanno da tremila e quattromila euro, ha precisato. Quindi si è detto “orgoglioso della reazione di tutti i cittadini, la maggioranza dei quali rispetta le regole“. Conte ha poi parlato della durata dello Stato di emergenza. Il premier ricorda a tutti di averlo dichiarato sin dal 31 gennaio 2020 (prima del caso di Codogno) e di averlo prolungato già da allora sino al 31 luglio 2020, data indicativa estesa a scopo precauzionale. Ma non è affatto scontato che si debba arrivare fino a quella data e le misure restrittive, al momento, varrebbero sino al 3 marzo 2020, eccetto eventuali modifiche. L’auspicio è infatti che le norme restrittive possano aiutare il paese ad uscire dall’emergenza ben prima. Il video della conferenza stampa:

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/cronaca_news) oppure iscrivendosi sul gruppo Whatsapp cliccando su questo link di invito.