Cina denuncia “appropriazione indebita USA di beni afgani, disumana”

L’appropriazione indebita da parte degli Stati Uniti di beni afgani congelati mentre il Paese asiatico sta affrontando una valanga di fame e povertà è disumana, ha affermato mercoledì un inviato cinese. Sullo sfondo di una situazione umanitaria ed economica così grave, il governo degli Stati Uniti ha deciso il mese scorso di dirottare 7 miliardi di dollari in beni afgani congelati per altri scopi, il che ha innescato proteste diffuse in tutto l’Afghanistan, ha affermato Zhang Jun, rappresentante permanente della Cina presso le Nazioni Unite:

Notando che tali beni appartengono al popolo afgano e allo stato sovrano dell’Afghanistan, Zhang ha sottolineato che la pratica di gestire arbitrariamente i beni all’estero di altri paesi ai sensi del diritto interno statunitense non ha precedenti. Non è solo una violazione della sovranità e della proprietà dell’Afghanistan, ma anche una grave violazione del diritto internazionale, ha affermato. L’inviato ha sottolineato che quei fondi sono gli unici beni disponibili di proprietà dell’Afghanistan, che svolgono un ruolo cruciale per la stabilità e lo sviluppo del Paese. Per il popolo afgano, queste risorse sono il loro denaro salvavita e la loro speranza di sopravvivenza. Quando gli afgani ne hanno più bisogno, gli atti spietati di congelamento e appropriazione indebita hanno inflitto loro “danni secondari” e che sono del tutto contrari al dovuto spirito di moralità e giustizia.

Ciò che gli Stati Uniti hanno fatto è illegale, irragionevole e disumano, ha affermato, osservando che la Cina ancora una volta invita i paesi collegati a restituire immediatamente e incondizionatamente quei beni per intero al popolo afgano, invece di peggiorare le cose. Inoltre, gli Stati Uniti dovrebbero smettere di applicare i doppi standard sulle questioni umanitarie, ha aggiunto Zhang. L’Afghanistan ha attraversato molte prove e tribolazioni e ora si trova in una fase cruciale della ricostruzione. Il paese sta lavorando duramente per migliorare la sua struttura politica, ristabilire l’ordine nella produzione e nei mezzi di sussistenza e svolgere attivamente scambi e cooperazione con l’estero. C’è una buona tendenza per cui sempre più paesi si stanno impegnando con il governo ad interim afgano in varie forme, ha affermato.

La comunità internazionale dovrebbe continuare ad aderire al principio della “guida afgana, di proprietà afgana”, intensificare l’impegno con i talebani in un approccio equo, razionale e pragmatico e guidare pazientemente i talebani a rispondere alle aspettative della comunità internazionale. Solo in questo modo l’Afghanistan può gradualmente raggiungere una pace e una stabilità durature ed eliminare il terreno fertile del terrorismo. Le donne e i bambini afgani possono così ottenere uno sviluppo migliore, ha detto Zhang. In quanto vicina amichevole, la Cina si è sempre impegnata a sostenere lo sviluppo pacifico e stabile dell’Afghanistan. La Cina lavorerà a stretto contatto con i paesi della regione, parteciperà attivamente a vari meccanismi multilaterali legati all’Afghanistan e promuoverà azioni coordinate di tutte le parti per creare sinergie e aiutare l’Afghanistan a camminare su un percorso di sano sviluppo, ha affermato. Un recente filmato documenta la vita nel villaggio di Bamyan:

Fonte: https://english.cctv.com/2022/03/04/ARTIymjiG1745p2sT3oHjIg7220304.shtml?spm=C69523.P89601117162.EEy8zkAGlNk4.116

Ricordiamo che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di Cronaca.news via Telegram attraverso l'indirizzo https://t.me/cronaca_news. I nostri link sono costantemente riportati anche su Facebook alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news.