Cerca la madre biologica per curarsi da un tumore. Finalmente la trova ma lei non vuole aiutarla

Dopo averla partorita l’abbandonò e da allora ha fatto perdere le sue tracce. La bambina visse per i primi due anni in orfanotrofio a Como e poi fu adottata da una famiglia di Milano che l’hanno cresciuta con amore.  Oggi quella bambina ha 47 anni, è infermiera psichiatrica a Milano, sposata e ha due figli. Purtroppo recentemente la donna è stata colpita da una forma aggressiva di tumore. Fino ad ora le cure adottate non hanno portato a risultati positivi e la 47enne vorrebbe sottoporsi ad una cura sperimentale, ma per questo occorrerebbe un prelievo di sangue della sua madre biologica.

La 47enne ha fatto di tutto per arrivare a conoscere le generalità della madre, sperando fosse ancora in vita. Dopo tanto è riuscita a rintracciarla. Ha spiegato quindi le sue ragioni con la speranza che la madre potesse esserle d’aiuto sottoponendosi ad un prelievo di sangue in totale anonimato. Stranamente la donna si è rifiutata e anzi sembrerebbe che le abbia dato fastidio che la figlia l’abbia cercata. Tramite il magistrato ha fatto sapere che non desidera essere contattata né accetterà di effettuare il prelievo di sangue chiesto dalla figlia malata. Un gesto che non le costerebbe molto ma aiuterebbe a guarire la figlia malata.

 

 

 

Ricordiamo che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di Cronaca.news via Telegram attraverso l'indirizzo https://t.me/cronaca_news. I nostri link sono costantemente riportati anche su Facebook alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news.