Botti di Capodanno: è strage di uccelli a Roma – i video diffusi sul web

Mentre c’è chi mernziona persino le antenne del 5G, per gli esperti, la causa della morte di centinaia di storni trovati sparsi questa mattina nella zona della Stazione di Roma Termini sarebbe certamente riconducibile alla paura per la detonazione dei botti di Capodanno. Gli uccelli disorientati, per la paura  si sono scontrati tra loro o schiantati contro i pali o cavi dell’alta tensione. E’ stata una vera strage di questi piccoli uccelli che popolano gli alberi della città, come documentato anche dalle numerose immagini diffuse sul web:

 

(Fonte foto embed: SkyTg24)

Nella Città di Roma, come in quasi tutti i comuni italiani, c’era il divieto di utilizzo dei fuochi pirotecnici, ma l’ordinanza sindacale, purtroppo, non è stata rispettata. Un video mostra gli uccelli morenti:

 

Purtroppo queste sono le conseguenze di usanze lontane a sparire. Sono anni ormai che associazioni animalistiche combattono per eliminare del tutto l’usanza di petardi e fuochi d’artificio, ma, a quanto pare ci vorrà ancora molto tempo che questo possa succedere. Dal Centro Recupero Fauna Selvatica della Lipu di Roma si spiega che “Gli storni negli ultimi anni hanno diminuito la loro presenza in centro a Roma, forse anche come conseguenza degli interventi di dissuasione operati ormai da quasi venti anni. Negli ultimi due anni, al 31 dicembre, non c’era nessun dormitorio presente o comunque non così numeroso. Quest’anno invece gli storni sono tornati al centro di Roma e non essendo stato fatto nessun intervento di dissuasione sono rimasti sul posto fino ad oggi in grandissimi numeri. E’ per questo motivo che è successo quest’anno. Episodi simili si sono registrati comunque anche negli anni passati soprattutto tra il 2003 e il 2010 quando la presenza di questi animali a Roma era davvero importante”. Un altro filmato diffuso sul web mostra gli uccelli spaventati in volo mentre alcuni di loro precipitano al suolo:

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/cronaca_news) oppure iscrivendosi sul gruppo Whatsapp cliccando su questo link di invito.