Banca Etruria: arrivano le prime condanne per gli ex vertici. “Adesso chiediamo risarcimento danni” – padre di Boschi tra gli indagati

Dal sito dell’Adusbef (Associazione Difesa Utenti Servizi Bancari e Finanziari): “L’ex presidente Giuseppe Fornasari e l’ex direttore generale Luca Bronchi condannati a 5 anni di reclusione, imputati del reato di bancarotta fraudolenta. Due anni per il vice presidente Alfredo Bronchi (bancarotta fraudolenta) e uno al consigliere Rossano Soldini (bancarotta semplice). Questi i primi verdetti del GUP di Arezzo, Dott. Borraccia per gli ex vertici che avevano scelto il rito abbreviato.

Contestualmente sono stati rinviati a giudizio altri 26 indagati, ex dirigenti tra cui anche l’ultimo presidente Lorenzo Rosi e i consiglieri di amministrazione, imprenditori, sindaci revisori e altri: Franco Arrigucci, Mario Badiali, Federico Baiocchi Di Silvestri, Maurizio Bartolomei Corsi, Alberto Bonaiti, Luigi Bonollo, Ugo Borgheresi, Piero Burzi, Paolo Cerini, Giovan Battista Cirianni, Giampaolo Crenca, Laura Del Tongo, Enrico Fazzini, Augusto Federici, Paolo Luigi Fumi, Natalino «Giorgio» Guerrini, Giovanni Inghirami, Saro Lo Presti, Gianfranco Neri, Andrea Orlandi, Carlo Platania, Carlo Polci, Alberto Rigotti, Lorenzo Rosi e Massimo Tezzon.

Al processo che avrà inizio il 2 aprile 2019 sarà possibile costituirsi parte civile e richiedere il risarcimento danni da parte dei risparmiatori e sarà ultima occasione utile. Per l’assistenza e al costituzione in giudizio tramite gli avvocati Adusbef potete contattarci a mezzo posta elettronica agli indirizzi adusbef.utenti@gmail.com e/o ufficiolegaleadusbef@gmail.com” – concludono da Adusbef. Il padre dell’ex ministro Maria Elena Boschi, Pier Luigi, risulta ancora indagato in un procedimento parallelo.

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/cronaca_news).