Avvelena i genitori con un piatto di pennette al salmone. Arrestato 19enne nel bolognese

Ha preparato la cena e ha servito ai genitori pennette al salmone. Dopo aver mangiato l’intero piatto, il patrigno, 57enne originario di Bazzano, ha iniziato a sentirsi male e ad avvertire forti dolori addominali, la madre invece, che per fortuna aveva mangiato solo un po’ di pennette, ha capito che nella minestra era stato messo del veleno e ha iniziato ad urlare. I vicini di casa, sentito le strazianti urla, hanno allarmato le Forze dell’ordine.

Arrivati subito dopo sul posto, la donna, che ha aperto la porta di casa, ha urlato ai Carabinieri: “Ci ha avvelenati, ha ucciso il mio compagno”. Entrati in casa i militari hanno  trovato l’uomo morente disteso sul divano. Il personale sanitario del 118 ha cercato invano di rianimare l’uomo. Nel frattempo la donna, 56 anni, è stata trasportata in ospedale in gravissime condizioni ma non in pericolo di vita.

La 56enne ha accusato il figlio di 19 anni, di aver ucciso il suo compagno e di aver tentato di uccidere anche lei. Il giovane, che soffre di problemi psichici, è stato rintracciato dopo poco e arrestato dai Carabinieri per omicidio aggravato. Il brutto episodio è accaduto giovedì sera 15 aprile verso le 21 di giovedì sera a Ceretolo di Casalecchio di Reno, nel Bolognese. Indagini sono in corso.

 

 

 

Ricordiamo che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di Cronaca.news via Telegram attraverso l'indirizzo https://t.me/cronaca_news. I nostri link sono costantemente riportati anche su Facebook alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news.