Aumento stipendio Tridico, INPS: “non è retroattivo”

Stipendio raddoppiato con effetto retroattivo – a sollevare il caso è un articolo de ‘La Repubblica’ secondo il quale il presidente dell’Istituto nazionale di previdenza si sarebbe raddoppiato lo stipendio : la decisione del Cda Inps – racconta sempre ‘La Repubblica’ – sarebbe stata avallata da un decreto ministro del Lavoro, di concerto con Ministero dell’Economia e delle Finanze per un aumento di stipendio da 62.000 euro a 150.000 euro. Su tutte le furie i pentastellati, che avrebbero criticato l’episodio e non si escluderebbe interrogazione parlamentare. “Paghi stipendi agli operati e poi si dimetta” – commentano dalla Lega di Salvini. Poi, dall’istituto alcune precisazioni:

“La Direzione Risorse Umane dell’Inps comunica che non ha corrisposto al Presidente Tridico compensi arretrati in seguito all’emanazione del Decreto del 7 agosto 2020 e, in ogni caso, gli Uffici dell’Istituto non hanno mai previsto l’erogazione di un compenso arretrato al Presidente per il periodo che va da maggio 2019 al 15 aprile 2020″. E’ quanto si legge in una nota dell’Inps. L’istituto definisce “priva di fondamento” la notizia relativa “ad un compenso arretrato al Presidente pari a 100mila euro“.

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/cronaca_news) oppure iscrivendosi sul gruppo Whatsapp cliccando su questo link di invito.