Aumento pensioni di invalidità per 13 mensilità, scadenza domanda entro il 30 ottobre 2020

È stata prorogata al 30 ottobre 2020 la scadenza per le domande di aumento della pensione di invalidità civile. L’incremento, introdotto con il Decreto Agosto, porta a 651,51 euro per tredici mensilità l’assegno mensile che spetta a invalidi civili totali, ciechi civili assoluti e sordi già al compimento dei 18 anni e non più solo a partire dai 60:

L’Inps, nel messaggio n. 3647 del 9 ottobre 2020 ha riportato le istruzioni che spiegano nei dettagli come presentare domanda per tutti coloro che non ricevono in automatico l’aumento. La scadenza per la presentazione delle domande è il 30 ottobre 2020 per beneficiarne con decorrenza da agosto ed è rivolta agli over 18 anni. Invalidi civili totali, ciechi civili assoluti e sordi che hanno diritto all’aumento della pensione di invalidità riceveranno l’aumento in automatico, senza dover presentare la domanda.
I titolari di trattamenti previdenziali ai sensi della legge 222/1984 (inabilità previdenziale) per ottenere il beneficio dovranno invece presentare una specifica domanda rispettando i requisiti del reddito che prevede questa soglia:

Per avere diritto alla maggiorazione la legge prevede una soglia di reddito annuo personale pari a 8.469,63 euro (che sale a 14.447,42, euro cumulato con il coniuge, nel caso in cui il soggetto sia sposato). Il beneficiario coniugato (non effettivamente e legalmente separato) deve possedere:
– redditi propri di importo non superiore a 8.469,63 euro;
– redditi cumulati con quello del coniuge di importo annuo non superiore a 14.447,42 euro. Ai fini della valutazione del requisito reddituale concorrono i redditi di qualsiasi natura, ossia i redditi assoggettabili ad Irpef, sia a tassazione corrente che a tassazione separata, i redditi tassati alla fonte, i redditi esenti da Irpef, sia del titolare che del coniuge. Sono esclusi dal calcolo del reddito la casa di abitazione, le pensioni di guerra, l’indennità di accompagnamento e l’importo aggiuntivo di 154,94 euro (legge 388/2000). Viene quindi riconosciuto a tutti i maggiorenni invalidi civili totali l’aumento che era stato dato nel 2001 solo agli invalidi con almeno 60 anni. Se entrambi i coniugi hanno diritto all’incremento, questo concorre al calcolo reddituale. Pertanto, nel caso in cui l’attribuzione del beneficio a uno dei due congiugi dovesse raggiungere il limite di reddito cumulato, nulla sarà dovuto all’altro coniuge. Se invece il limite non viene raggiunto, l’importo dell’aumento da corrispondere a un coniuge deve necessariamente tener conto del reddito cumulato comprensivo dell’aumento già riconosciuto all’altro. Negli altri casi, la decorrenza sarà dal primo giorno del mese successivo alla domanda. Come presentare la domanda:

La domanda può essere presentata sul sito Inps, con riferimento ai titolari di pensione di inabilità, accedendo al servizio “Domanda Pensione, Ricostituzione, Ratei, ECOCERT, APE Sociale e Beneficio precoci”. In seguito alla preselezione della domanda di Ricostituzione, è necessario selezionare la seguente tipologia di Prodotto:

  • Gruppo: RICOSTITUZIONI/SUPPLEMENTI
  • Prodotto: REDDITUALE
  • Tipo: MAGGIORAZIONE SOCIALE

Per i titolari di pensione di inabilità di cui alla legge n. 222 del 1984 che presentino la domanda di beneficio entro il 30 ottobre 2020, l’Inps riconscerà la decorrenza dal 1° agosto 2020, a seguito di espressa richiesta. Deve quindi intendersi rettificato il termine di presentazione della domanda fissato al 9 ottobre 2020 dalla circolare n. 107/2020. A tale fine è necessario indicare nel campo Note della domanda: “Richiedo il riconoscimento della maggiorazione con decorrenza dal 1° Agosto 2020”. La lavorazione delle istanze sarà a cura delle sedi.

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/cronaca_news) oppure iscrivendosi sul gruppo Whatsapp cliccando su questo link di invito.

 

Ricordiamo che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di Cronaca.news via Telegram attraverso l'indirizzo https://t.me/cronaca_news. I nostri link sono costantemente riportati anche su Facebook alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news.