Assolto il togolese che prese a cazzotti due donne senza motivo: “non sta bene mentalmente”

Aveva colpito violentemente due donne nel sottopassaggio ferroviario di Lecco ed era stato fermato, adesso la perizia psichiatrica ha consentito all’uomo di essere assolto:

Incapace di intendere e volere: con questa conclusione del medico incaricato dal Tribunale, è stato assolto A.M.C., il giovane originario del Togo che il 9 settembre scorso aggredì brutalmente due donne nel sottopasso della stazione ferroviaria di Lecco, con pugni e spinte fino a farle cadere malamente a terra. In sua difesa anche un parente acquisito:

“Non è un problema che riguarda solo Manaf ma tutte le persone che soffrono un problema come il suo. Queste lacune diventano un problema sociale, non solo per la famiglia del paziente, ma anche per altre persone che ci vanno di mezzo, come è successo a queste due donne. Si insiste sulla sicurezza della stazione, ma nessuno sta affrontando il problema reale di quello che è accaduto” – ha precisato il cognato dell’aggressore di origini africane. Il video diffuso mostrava la registrazione delle telecamere che avevano immortalato il violento episodio:

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/cronaca_news) oppure iscrivendosi sul gruppo Whatsapp cliccando su questo link di invito.