Allocco salvato dai volontari torna a mangiare dopo 3 settimane di tentato digiuno – video

“Era arrivato praticamente morente, probabilmente avvelenato, con i parametri del fegato tutti sballati. Ha tentato lo sciopero della fame per quasi 3 settimane (senza successo perche da noi devi magna’ pe’ forza, come a casa de nonna) e poi piano piano si è rifatto.
Stasera anche l’alloccone è tornato a casa (vedi video)” – è quanto possibile leggere in un post diffuso su Facebook del CRAS Rimini – Centro Recupero Animali Selvatici con un videopoi rilanciato anche su YouTube. Link:

https://www.facebook.com/crasrimini/videos/746658252688070/

Diffuso in tutta Italia, tranne che nella penisola salentina, e in gran parte dell’Europa, Asia e Africa del Nord, l’allocco è strettamente legato agli ambienti forestali, si adatta facilmente anche agli ambienti agricoli e antropizzati, perfino i pieni centri storici di città di grandi e piccole dimensioni. Strettamente notturno al di fuori del periodo della riproduzione, durante l’allevamento dei piccoli è attivo anche al crepuscolo o in pieno giorno. Per il riposo utilizza posatoi su conifere, alberi coperti di edera, camini e anfratti nelle cascine o nei monumenti.

Ricordiamo che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di Cronaca.news via Telegram attraverso l'indirizzo https://t.me/cronaca_news. I nostri link sono costantemente riportati anche su Facebook alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news.