Allevamento intensivo di gatti in casa: donna uccisa e divorata dagli animali sotto stress

Pochi giorni fa, la polizia russa ha fatto un’orribile scoperta in un appartamento a Bataysk:

Stando a quanto riportato dalla stampa locale, l’appartamento in questione era occupato da un allevatore di Maine Coon, un gatto di razza che può raggiungere i cento centimetri di lunghezza. Preoccupato per non aver avuto notizie dal suo capo, un dipendente ha allertato la polizia, che si è recata a casa della donna. Quando gli agenti sono entrati nell’appartamento, hanno scoperto il corpo dell’allevatrice, mezzo divorato dai venti gatti che vi abitavano anche loro:

I Maine Coon sono pacifici per natura, ma rinchiusi in questo appartamento non avevano accesso all’acqua o al cibo. “Cos’altro potrebbero mangiare“, chiede un soccorritore di animali. “È del tutto comprensibile che si siano comportati così. Hanno semplicemente mangiato ciò che era a loro disposizione”. Alcuni dei gatti sono morti, ma alcuni sono riusciti a salvarsi. È stato un vicino a prenderli prima di portarli in un rifugio, il Koto Café. Per la maggior parte erano in pessime condizioni:

erano magri sotto la loro imponente pelliccia, avevano gli occhi che colavano e si rifiutavano di mangiare. “Il loro fegato, reni e denti sono rovinati“, insistono i due proprietari del canile. L’allevatore, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” è tutt’altro che il primo a sperimentare una simile fine. Nel gennaio 2020, in Bretagna, una sessantenne si è fatta divorare la faccia dai suoi cani e nel giugno 2021 era una settantenne spagnola che è stata trovata senza vita a casa, metà del suo corpo mangiata dai suoi gatti. Il tutto si verifica a causa di un’attività di allevamento intensivo irregolare finalizzata ad incassare soldi dai richiedenti. Ancora una volta ricordiamo che, qualora vogliate convivere con cani o gatti, sarebbe anzitutto opportuno rivolgersi ad un canile o gattile locale e valutare l’adozione di uno degli animali ex randagi ospitati piuttosto che acquistarne uno ed incentivare potenzialmente anche questi gravi fenomeni.

Ricordiamo che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di Cronaca.news via Telegram attraverso l'indirizzo https://t.me/cronaca_news. I nostri link sono costantemente riportati anche su Facebook alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news.