Accusata di aver ucciso il nonno, esclusa dall’ergastolo. Il delitto in Basilicata

Fu accusata di aver ucciso il nonno a colpi di coltellate e bastonate e per questo è stata condannata a 22 anni di reclusione. L’uccisione si verificò nel 2020 in un comune della Basilicata:

Stando a quanto si apprende, infatti, nell’udienza, la giovane nipote del deceduto (che ha sempre negato di aver commesso l’omicidio) ha ottenuto la richiesta di riduzione di pena – con la conseguente esclusione dall’ergastolo – per l’uccisione del nonno di 91 anni, colpito a morte da 26 coltellate al torace e numerose bastonate alla testa. Stando a quanto riportato da fonti telematiche, la giovane donna avrebbe “gioito” alla notizia della conferma di riduzione di pena. A tal proposito, riportiamo qui sotto il link ad un servizio televisivo diffuso sul web:

 

Ricordiamo che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di Cronaca.news via Telegram attraverso l'indirizzo https://t.me/cronaca_news. I nostri link sono costantemente riportati anche su Facebook alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news.