A Parigi coda chilometrica contro pass sanitario. Governo lo esclude per bar, ristoranti e centri commerciali – video

Sarebbero stati circa 114.000 i manifestanti che nei giorni scorsi hanno protestato pubblicamente contro la nuova regola del pass sanitario promossa dal Governo guidato da Emmanuel Macron. In un video diffuso sul web, si ha l’impressione di una marcia chilometrica arricchita di bandiere francesi e striscioni contrari al Green Pass:

Il Governo ha comunque approvato il nuovo provvedimento, pur escludendolo da svariati contesti quotidiani. Questa norma riguarda le sale per spettacoli, sale conferenze, teatri, cinema, tendoni, sale da gioco e da ballo, palazzetti dello sport e campi sportivi, palestre, piscine coperte e scoperte, piste di pattinaggio. Ma anche fiere ed esposizioni temporanee, musei, biblioteche – escluse le biblioteche universitarie -, nonché manifestazioni culturali, sportive, ludiche o festive organizzate nello spazio pubblico quando possono “dare luogo a un controllo dell’accesso delle persone. Interessati anche i luoghi di culto, ma solo per eventi “non di carattere religioso”. Come annunciato da Emmanuel Macron, il pass sanitario, in vigore dal 9 giugno, sarà ampiamente esteso. Da mercoledì sarà necessario accedere “a stabilimenti, luoghi ed eventi (…), quando accolgono un numero di visitatori, spettatori, clienti o passeggeri almeno pari a 50 persone”, precisa il decreto:

Tuttavia, non è necessario il pass per accedere a ristoranti, caffè e centri commerciali. Questi stabilimenti beneficiano di una piccola tregua, fino all’inizio di agosto. Per l’ultima categoria, le regole sono ancora lontane dall’essere fissate. Se il governo voleva imporre l’abbonamento per i centri commerciali di oltre 20.000 mq, il Consiglio di Stato, il cui parere è solo consultivo , ha stabilito che tale misura “avrebbe potuto riguardare in modo particolare l’acquisto dei beni di prima necessità, soprattutto alimentari” e ha quindi rappresentato “un’ingerenza sproporzionata con le libertà”. Il governo dovrebbe quindi fornire una sfumatura per le località in cui l’accesso ai beni di prima necessità è possibile solo in un grande centro commerciale. Quanto ai dipendenti dei luoghi interessati dalla proroga, hanno tempo fino al 30 agosto per conformarsi. Quindi dovrebbe essere ancora applicata una tolleranza di due mesi. Il disegno di legge sulla salute, presentato lunedì al Consiglio dei ministri e che prevede la proroga del pass oltre alla vaccinazione obbligatoria per i caregiver, potrebbe subire alcuni aggiustamenti quando passerà in Parlamento in settimana. (fonte: Le Parisien).

Ricordiamo che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di Cronaca.news via Telegram attraverso l'indirizzo https://t.me/cronaca_news. I nostri link sono costantemente riportati anche su Facebook alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news.