A 28 anni muore dopo la somministrazione, verifiche in corso

Una fisioterapista è morta a casa sua a gennaio solo due giorni dopo essersi sottoposta alla somministrazione del farmaco più noto del delicato periodo storico che stiamo attraversando:

Haley Link Brinkmeyer, 28 anni, è morta il 21 gennaio

Haley Link Brinkmeyer, 28 anni, è morta il 21 gennaio dopo aver ricevuto un’iniezione di mRNA del che si ritiene essere la prima tipologia messa in commercio del noto farmaco. Una storia molto delicata e che necessita di ulteriori verifiche se si tiene conto che a diffonderla tra i primi sul web è stato un blog che spesso pubblica news critiche nei confronti del trattamento sanitario. La morte di Brinkmeyer ha scioccato la sua famiglia, ha detto al blog sua madre Shauna O’Neill Link. L’account Facebook di Link sembra essere stato cancellato. DailyMail.com ha contattato il marito di Brinkmeyer, Evan Brinkmeyer, per ulteriori informazioni e commenti aggiuntivi. Brinkmeyer ha incontrato suo marito mentre frequentava la Reitz High. Gli innamorati del liceo furono incoronati re e regina del ritorno a casa e furono sposati per due anni. Si è laureata presso l’Università di Evansville nel 2018 con un dottorato in terapia fisica ed era un membro di AOII Sorority, secondo il suo necrologio. “I nostri cuori si sono spezzati per la morte della moglie di Evan e fidanzata del liceo Haley Link Brinkmeyer. Nessuna parola può esprimere la profondità della perdita provata dalle famiglie di Haley ed Evan ”, ha postato su Facebook il suocero James Brinkmeyer:

Il padre di suo marito, James Brinkmeyer, ha pubblicato foto commemorative di Haley Link Brinkmeyer

La giovane fisioterapista ha lavorato al North River Health Campus, una comunità di anziani a Evansville, Indiana, ha riportato il blog. Il North River Health Campus ha pubblicato foto e un messaggio critico sul farmaco il 20 gennaio, più o meno nello stesso periodo in cui ha ricevuto l’iniezione, secondo il blog. “Shots of Hope”, adeguatamente ispirati al tema, le nostre sale erano adornate con tutti i colori dell’arcobaleno. Sia i residenti che il personale si sono rimboccati le maniche per fare la loro parte per rallentare la diffusione di questo terribile virus “, titolava il post. Non è stato immediatamente chiaro se Brinkmeyer ha ricevuto l’iniezione in quel momento. Secondo il suo necrologio, la famiglia ha chiesto donazioni alla Fondazione Haley Link Brinkmeyer, creata per fornire assistenza e medicine ai pazienti diabetici. La notizia della morte di Brinkmeyer è stata condivisa su Twitter anche da un oftalmologo di Houston. Un esplicito sostenitore dell’idrossiclorochina come trattamento, è stato precedentemente segnalato al Texas Medical Board per averlo usato nei pazienti, secondo The Texan , un sito di notizie gestito da un importante attivista del Tea Party. Il Texas Medical Board in seguito ha respinto la denuncia e ha affermato che non c’erano “prove sufficienti per dimostrare che si è verificata una violazione del Medical Practice Act”, ha riferito MedPage Today. Il suo feed Twitter mostrava contenuti critici nei confronti dell’uso delle mascherine e di Anthony Fauci.  Un episodio, dunque, che resta al momento avvolto da un alone di mistero, oltre che caratterizzato da un lutto improvviso.

Ricordiamo che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di Cronaca.news via Telegram attraverso l’indirizzo https://t.me/cronaca_news. I nostri link sono costantemente riportati anche su Facebook alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news.

Ricordiamo che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di Cronaca.news via Telegram attraverso l'indirizzo https://t.me/cronaca_news. I nostri link sono costantemente riportati anche su Facebook alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news.